Parole, Senza categoria

La casa del padre

LA CASA DEL PADRE (frammento da LE STORIE DELLA BAMBINA) C'era una strada che la bambina non percorreva volentieri. Era la via dove abitava il padre, coi suoi fratelli e i genitori. Era il cammino per l'infelicità, per i misteri dolorosi, per gli incontri sgraditi, ributtanti, inquietanti. Era il passaggio temuto verso l'abbandono, la tragedia,… Continue reading La casa del padre

Figure, Parole, Senza categoria

Il mio nonnopapà

Quando ero piccola, la giornata della festa del papà era per me un tormento e un incubo, per l’ombra cupa di un padre tale solo per gli spermatozoi utilizzati, come sa chi legge le mie “Storie della bambina”. Tutti i preparativi che le maestre facevano svolgere ai pargoli per festeggiare degnamente i loro padri, erano… Continue reading Il mio nonnopapà

Senza categoria

Albero di Natale

Aglaja

Questo è l’albero di Natale che vorrei valesse per tutto l’anno. Le radici partono dal cuore perché le idee non debbono essere avulse dai sentimenti e dalle emozioni. L’empatia ci porta all’immedesimazione e quindi alla comprensione, che – necessariamente – deve tradursi in solidarietà per coloro che sono in difficoltà. Il tempo e la memoria sono doni che viaggiano con noi: abbiamo bisogno di entrambi, per gli altri, per noi, per andare avanti ma senza dimenticare ciò che si è perso. E, su tutto, l’amore che move il mondo e l’altre stelle, e move pure noi, particelle infinitesimali di un tutto che continuiamo a cercare.
Auguri a tutti voi.
Aglaja

cuore

View original post

Senza categoria

Cuccioli

Nella rubrichina di miei disegni su La Rivista Intelligente, continua la serie “L'una e lune”. Avete notato come vi sia un rapporto speciale tra i bimbi e i cuccioli degli animali? E' come se vi fosse un magico periodo, in cui tra le diverse specie non vi fosse differenza alcuna. Non importa appartenere agli uomini,… Continue reading Cuccioli

Senza categoria

Les filles mortes

Nella rubrichina di miei disegni su La Rivista Intelligente continua la serie dei “Ritratti imperfetti”. Les filles mortes (Sì, "filles", ragazze, e non "feuilles", foglie) In tema con la mia tristezza.