2021, Figure

La pelle

Sbucciarmi,
togliermi la pelle.
Velo dopo velo
togliere gli strati del tempo violato,
delle parole ladre di bellezza e verità.
Sbucciare e lasciar cadere.
Abbandonarla questa pelle ammorbata,
contaminata.
Lasciarla cadere a terra,
sentire il suono del suo afflosciarsi
come cosa morta.
Guardare avanti.
Sentirsi altrove.
Felicemente estranea.

Versi di Simona Garbarino
illustrazione di Aglaja

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...