Figure, La Rivista Intelligente, Parole, Senza categoria

A mia madre

MAMMA
di #Aglaja

Mamma sola,
coraggiosa,
forte,
fragile,
amorosa.
Timidezza
un po’ imbronciata,
introversa,
amareggiata:
sorridevi
raramente,
nel silenzio
di perdente.
Figlia sempre
figlia ancora,
dipendente
come allora,
sei una mamma
ch’è bambina,
obbediente
monachina
nella cella
del ricordo.
Al dolore tuo
che è sordo,
che è nell’anima
e nel corpo,
io consacro
questi anni
perché
lievi
sian gli affanni
che trascini
– ancora e ancora –
fino all’ultima
tua ora.

3 pensieri riguardo “A mia madre”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...