2021, Figure, Parole

Mosche cieche

Ti ricordi il gioco della mosca cieca? Ti bendavano, ti facevano ruotare su te stesso un paio di volte, spintonandoti qua e là per farti perdere il senso dell’orientamento, e poi via! In mezzo a ragazzini che ti ronzavano intorno, pungolandoti e sbeffeggiandoti, dovevi acchiapparne almeno uno. Servivano velocità e destrezza, ma spesso tu, povera mosca cieca, ti aggiravi scompostamente e goffamente vorticavi le braccia, tra l’ilarità dei compagni aguzzini. Ma, talvolta, accadeva che qualcuno, forse impacciato come te, o forse intenerito dal tuo smarrimento, si faceva acciuffare e allora vi abbracciavate, in un’allegria bambina, complice e ridente.

Adesso che è tutto buio attorno e un velo di ghiaccio ricopre le cose e più non senti alcun suono, ancora ti aggiri bendato in un infinito universo e continui a cercare a tentoni chi hai perduto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...