Figure

Nuova piastrella

Lilith

Oggi ho letto questo e ho dovuto disegnare come una forsennata.

Ricordatevi di Lilith.
Perché non fu affatto Eva la prima donna.
Prima di lei, un’altra, creata dall’argilla – e non dalla costola dell’uomo. Anche lei, anche Lilith si rivoltò al suo creatore. Demone femmina, spirito del vento, immortale come Adamo, pretendeva di essere trattata alla pari – rispettata – da ogni punto di vista. Si rifiutò di fare l’amore sotto di lui, Lilith. Secondo alcune tradizioni Adamo la prese con la forza.
Dopo la violenza Lilith fuggì, prese il volo, abbandonando il paradiso terrestre. Lui la maledisse, la chiamò feccia della terra, lei in segno di sfida urlò il più proibito tra i nomi di Dio, quello con settantadue lettere. Divenne l’amante di tutti gli spiriti maligni del mondo e prese il nome di madre dei demoni. Qualcuno, rincarando la dose, dice che per restare libera Lilith sacrificasse ogni giorno cento figli di Adamo. Ricordatevi di Lilith, perché solo in un secondo momento venne il tempo di Eva, creata dal costato di Adamo affinché fosse naturalmente sottomessa, programmata per acconsentire, dire di sì, obbedire. Ricordatevi di Lilith, la prima donna, che la tradizione ha trasfigurato in megera, obbrobrio, arpia, perché si rifiutò di essere proprietà, mero corpo a disposizione. Jonathan Bazzi

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...